• Blog
  • Maggio 8, 2020

La marijuana, per dormire meglio

Top Image Bottom Image

La cannabis è nota per le sue proprietà sedative e qualsiasi fumatore confermerà: il fumo regolare è solitamente accompagnato da sonnolenza. Nella routine quotidiana, quando è importante mantenere la calma, l’effetto calmante della marijuana aiuta molti. Ma la cannabis o marijuana ti aiuta a dormire meglio?

Ciò che è caratteristico, l’azione della stessa varietà non è sempre la uguale per tutti. Nemmeno una tipica indica calmante causerà rilassamento per ogni persona. In una compagnia di 10 persone che hanno illuminato uno stipite, potrebbero esserci uno o due organismi per i quali l’azione sarà stimolante. Tuttavia, i paradossi non finiscono qui. Il tetraidrocannabinolo (THC), il principale intossicante della marijuana, ha un effetto eccitante e stimolante, che per alcune persone può persino essere eccessivo (con un THC particolarmente elevato, che di solito è tipico della sativa). Tuttavia, uno studio scientifico pubblicato nel 2008 ha dimostrato che è l’effetto del THC sui recettori CB1 concentrati nella corteccia cerebrale, nell’ippocampo e nel cervelletto che è associato a una sensazione di sonnolenza familiare agli utilizzatori regolari di piante.

Nel 1973, gli scienziati californiani e di Boston del Dipartimento di salute mentale hanno studiato gli effetti del THC sul sonno delle persone che soffrono d’insonnia. Secondo i risultati, l’uso del THC accelera il processo di addormentarsi e ti aiuta a dormire più a lungo.

Rahna Patel, esperta di marijuana medica, ha dichiarato: molti pazienti con insonnia o apnea hanno notato i benefici della cannabis terapeutica e si sono addormentati più facilmente. Gli scienziati non hanno ancora una comprensione coerente di come la stimolazione del recettore CB1 è associata al sonno. Tuttavia, il sistema endocannabinoide è senza dubbio coinvolto in una vasta gamma di processi neurologici. Ulteriori ricerche in questo settore probabilmente aiuteranno a liberare il potenziale della marijuana come sedativo medico. Alla fine dei conti, è indubbio che la marijuana aiuti le persone a rilassarsi. Questo, a lungo andare, comporta proprio i vari effetti calmanti che sono tipici di questa tipologia di pianta.

La marijuana abbassa la qualità del sonno?

Il paragrafo precedente non deve indurre in errore il lettore: la cannabis non è una panacea per i disturbi del sonno e il fumatore cronico di marijuana non dorme meglio a causa del fumo costante. Il THC aiuta ad addormentarsi più velocemente, ma di solito solo dopo la prima sessione di fumo. Si dorme certamente più a lungo. Più canapa viene consumata, più tardi il consumatore tende ad alzarsi dal letto il giorno successivo.

Tuttavia, entra nella fase di sonno lento. Per esempio, bisogna ricordarsi della condizione per cui le persone dormono. Quest’ultima è associata al ripristino di forza, rigenerazione e crescita nei bambini e negli adolescenti, è più difficile se il THC viene costantemente immesso nel sangue. E, che è tipico, il cannabidiolo (CBD), insieme al THC, riduce la fase del sonno REM, che, tradotta nel linguaggio di tutti i giorni, significa: ci sono pochi sogni, sono caotici e difficilmente ricordabili. Nel frattempo, una violazione della transizione naturale tra le fasi del sonno non ripristina completamente la forza e una persona al mattino può provare apatia, disforia, stati depressivi, sensazione di stanchezza o persino “postumi di una sbornia” in questi casi. Insomma, la marijuana è certamente un’ottima cosa, ma non bisogna esagerare con il suo consumo per dormire meglio.

L’uso terapeutico della cannabis per problemi di sonno, come in molti altri casi, richiede ulteriori ricerche. Senza dubbio, un forte indicatore può alleviare lo stress nervoso o fisico che impedisce di addormentarsi, distrarre da pensieri ossessivi e rimuovere l’eccitazione non necessaria. Tuttavia, i problemi cronici con la qualità o la durata del sonno sono neuropatologici e richiedono un trattamento completo al quale possono partecipare i ceppi di cannabis adatti, ma chiaramente non svolgono un ruolo decisivo.

Per dirla brevemente, l’effetto della marijuana sul sonno è molto simile a quello dell’alcol. La persona si sente più rilassata, per certi versi anche stanca. Si chiudono le palpebre. Si prova ad addormentarsi.

Prova la cannabis legale di qualità ad alto contenuto di CBD presente nel nostro negozio.

ACQUISTA ORA

Effetto della marijuana sulla respirazione nel sonno

Quando si tratta di uso medico, la marijuana può offrire una soluzione eccellente per il 25% degli uomini e il 9% delle donne che soffrono di apnea notturna o, semplicemente, di russo. Grazie alla marijuana, difatti, si può respirare in modo più semplice. Si percepisce una grande leggerezza. E, ovviamente, si evitano anche i vari rumori dovuti al russare. L’apnea notturna è caratterizzata da una respirazione compromessa durante il sonno ed è associata a una serie di malattie gravi, tra cui diabete e problemi cardiaci. Ma non solo: possono soffrire anche molte altre persone. Sfortunatamente, la stragrande maggioranza delle persone che soffrono di apnea notturna non sospetta nemmeno quale sia la vera radice dei loro problemi.Molti di coloro che alla fine si sono rivolti al trattamento si rifiutano d’indossare una maschera speciale ogni notte, poiché questo è scomodo.

Questo è esattamente il caso in cui la marijuana può aiutare, poiché gli scienziati stanno attualmente esplorando il THC come alternativa e i risultati preliminari sono già incoraggianti. Se gli studi clinici avranno successo, un giorno i pazienti con apnea notturna potranno sostituire la maschera voluminosa con un paio di pillole innocue. Il motivo per cui la marijuana aiuta a respirare meglio è tanto semplice quanto banale. Questo tipo di sostanza, difatti, rilassa le persona e agisce direttamente sui centri respiratori calmando la frequenza di respirazione. Per questo si percepisce una maggiore libertà nell’addormentarsi.

Marijuana e il sonno: le conclusioni

Nonostante si possa facilmente capire che la marijuana realmente svolge tutt’una serie di effetti benefici, bisogna anche individuare che il suo effetto è piuttosto individuale e specifico per ogni singola persona differente. Per questo non si consiglia mai di esagerare con l’assunzione di marijuana per dormire meglio.

Leave your reply

Your email address will not be published.

Acquista ora dal nostro catalogo con uno sconto del 10% - Usa il Coupon: SUMMER10